imagealt

Progetto per l'innovazione digitale

LA NUOVA SCUOLA DIGITALE

 

Il PNSD ( Piano Nazionale Scuola Digitale) è il documento d’indirizzo del Ministero dell’Istruzione per il lancio di una strategia complessiva di innovazione della scuola italiana e per un nuovo posizionamento del suo sistema educativo nell’era digitale . Catalizza l’impiego di più fonti di risorse a favore dell’innovazione digitale a partire da quelle dei fondi strutturali europei (PON Istruzione 2014-2020) e dai fondi della legge 107/2015 ( la Buona Scuola).

La digitalizzazione non può essere concentrata solo sulla dimensione tecnologica ma deve rispondere alle sfide che la società tutta affronta nell’interpretare e sostenere l’apprendimento lungo tutto l’arco della vita (life-long) e tutti i contesti della vita formali e non formali ( life- wide).

Questa sfida innovativa deve rispondere alle domande legate alla necessità di propagare l’innovazione all’interno di una organizzazione complessa come un istituto scolastico.

Anche in considerazione delle azioni previste dal MIUR, è tempo di investire in un disegno organico di innovazione delle scuole italiane, con programmi ed azioni coerenti che comprendano l’accesso, gli ambienti di apprendimento, i dispositivi, le piattaforme, l’amministrazione digitale, la ricerca, la formazione e ovviamente la didattica, la metodologia e le competenze.

L’educazione nell’era digitale non deve porre al centro la tecnologia, ma i nuovi modelli di interazione didattica che la utilizzano.

Riferimenti normativi 

La legge 13/7/2015 n°107 ha previsto l’adozione del PNSD al fine di introdurre, nel mondo della scuola, azioni e strategie dirette a favorire l’uso delle tecnologie nella didattica ed a potenziare le competenze dei docenti e degli studenti nel campo del digitale.

Il decreto 16/6/2015 n° 435 ha stanziato risorse per l’organizzazione, a livello capillare su tutto il territorio nazionale, di percorsi di formazione diretti concretamente a favorire un pieno sviluppo del processo di digitalizzazione delle scuole attraverso l’animatore digitale, un docente individuato sulla base della normativa vigente nell’ambito di ciascuna istituzione scolastica.

L’animatore digitale deve essere coadiuvato da un team per l’innovazione, scelto all’interno dell’istituto.

Il percorso di formazione degli animatori digitali si è aperto con il Seminario “ Scenari innovativi per lo sviluppo di competenze digitali applicate al progetto Giov@ni&Web”, tenutosi il 3/3/2016 presso l’Auditorium San Francesco di Chiavari.

Gli interventi dei relatori hanno posto in rilievo ampie tematiche specifiche con spunti di riflessione su:

1. Applicabilità del PNSD nel rilancio delle strategie innovative tenendo presente tre ambiti :

a) gli strumenti ( l’accesso agli ambienti e l’adeguamento della connettività )

b) le competenze e i contenuti

c) la formazione e l’interazione con gli enti territoriali locali

d) il coinvolgimento della comunità scolastica, attraverso l’organizzazione di workshop, la creazione di soluzioni innovative, l’individuazioni di soluzioni metodologiche e tecnologiche sostenibili in

sinergia con l’assistenza tecnica.

2. La sicurezza in rete con l’uso corretto delle tecnologie poste a disposizione delle istituzioni e delle famiglie, il rispetto della legalità e la tutela dei minori nell’utilizzo del digitale. 

3. L’importanza delle telecomunicazioni , dell’informatica e della sicurezza delle informazioni nell’ambito della Difesa, articolata sul Cyber Defence Symposium espressione della Scuola Telecomunicazione delle Forze Armate ( STELMILIT) che collabora con partner del livello di Regione Liguria, MIUR, Comitato Regionale delle Comunicazioni e Polizia Postale sottoscrivendo un protocollo d’intesa sulla difesa dai rischi del Web.

 

Come Istituto Comprensivo desideriamo offrire la fruibilità delle LIM (Lavagna Interattiva Multimediale) di ultima fenerazione a tutte le classi della secondaria implementando la connettività alla rete internet. È altresì fondamentale rendere la didattica e gli strumenti adeguati alla nuova scuola digitale favorendo incontri formativi per i docenti e spazi mirati con tutte le nuove tecnologie che oggi, il nostro tempo, richiede.

Prof. Maria Luisa Protasoni, animatore digitale

Ultima modifica il 28-02-2017